News-letter
Iscriviti  Cancellati
   
Torna alla sezione EUROPE europe

IP/05/995
Bruxelles, 20 luglio 2005

Ascoltare, comunicare, agire a livello locale: nuovo approccio della Commissione al dialogo e alla comunicazione con i cittadini europei

Oggi la Commissione ha approvato il Piano di azione della Commissione europea per migliorare l'iniziativa "Comunicare l'Europa" proposto dalla vicepresidente Margot Wallström, responsabile per le relazioni istituzionali e la strategia della comunicazione. Le cinquanta azioni elencate nel piano sono volte a migliorare la capacità e le competenze della Commissione in materia di comunicazione delle politiche europee.

La signora Wallström, commentando la decisione della Commissione, ha dichiarato: "Il piano di azione rispecchia in modo molto concreto e pragmatico la priorità politica di avviare il dialogo con i cittadini in tutta l'Unione europea. Oggi abbiamo stabilito un metodo di lavoro che condurrà a un'impostazione moderna della comunicazione in tutti i dipartimenti, elemento essenziale se intendiamo affrontare seriamente la necessità di aumentare il dialogo, la consultazione e il dibattito sul ruolo dell'Unione. È chiaro però che questo è un compito che va al di là della missione della Commissione; il suo successo dipende essenzialmente da un partenariato con tutti gli altri attori fondamentali della politica europea all'interno della UE - una sfida, questa, che affronteremo nel corso di quest'anno con un libro bianco. "
La Commissione caldeggia una nuova impostazione della comunicazione basata su tre principi:
1 ) Ascoltare. Non soltanto informare i cittadini europei, ma anche ascoltarli e tener conto dei loro punti di vista.
2) Comunicare come le politiche della UE influenzano la vita quotidiana dei cittadini e qual è il loro valore aggiunto.
3) Collegarsi, agendo a livello locale, vale a dire adattando i messaggi a seconda del pubblico di ogni Stato membro e trasmettendoli attraverso i canali preferiti da tale pubblico nella lingua che capisce.
Questo approccio si compone di due fasi: il Piano di azione sarà seguito da un libro bianco per impegnare tutte le parti in causa, esponendo la visione politica e le iniziative da intraprendere a medio e lungo termine, in cooperazione con le altre istituzioni e gli altri partecipanti.
Il Piano di azione propone un metodo di lavoro con cui conseguire un uso più mirato e più efficiente delle risorse e migliorare il funzionamento della comunicazione sull'Europa.

Si prevede in particolare di:
- Coordinare le attività di comunicazione in tutta la Commissione, al fine di ottimizzare gli sforzi e di usare meglio i nostri strumenti di comunicazione.
- Utilizzare meglio gli strumenti di comunicazione preferiti dalle persone, nella lingua che capiscono, in particolar modo internet e i servizi audiovisivi.
- Acquisire maggiore professionalità nella comunicazione impartendo formazioni specifiche ai funzionari e assumendo specialisti in comunicazione.
- Utilizzare metodi quali, ad esempio, l'inserimento di una sintesi non specializzata nelle principali proposte della Commissione, che descriva i vantaggi concreti delle politiche della UE per i cittadini.
- Rafforzare le rappresentanze della Commissione negli Stati membri, al fine di raggiungere i cittadini su quelle politiche e quelle iniziative che destano il loro interesse o la loro preoccupazione e nella lingua che capiscono.


© 2005 - 2017 E.I.P. ITALIA
Loghi, immagini e testi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari
è vietata la riproduzione, anche parziale, del presente documento.

Sito realizzato daIstrate Beniamin