News-letter
Iscriviti  Cancellati
   
Torna alla sezione EUROPE europe

Piano D per la democrazia, il dialogo e il dibattitoIl Piano D è stato presentato alla stampa e all’opinione pubblica in una videoconferenza della vicepresidente Margot Wallström.Visto il momento difficile che sta attraversando il processo di costruzione europea, dall’allargamento a nuovi Paesi alla battuta di arresto della Costituzione, la Commissione europea ha ripensato la propria strategia di comunicazione al fine di rilanciare il dialogo con i cittadini europei e con la società civile e per far sì che attraverso un “periodo di riflessione”, in ogni Stato membro possa aver luogo un ampio dibattito.

Obiettivo: trovare il consenso sulle politiche future dell’Unione Europea al fine di mettere l’Europa in condizione di far fronte alle sfide del XXI secolo.Margot WallströmSi è dato il via al Piano D (Democrazia, dialogo, dibattito) che getta le basi per il dibattito approfondito sul futuro dell’Europa che si svolgerà nei prossimi mesi. Il Piano D è stato presentato alla stampa e all’opinione pubblica in una videoconferenza della vicepresidente Margot Wallström via Europe by Satellite il 13 ottobre u.s. alle ore 11.00.In quest’occasione la Rappresentanza in Italia della CE ha deciso di aprirsi alla cittadinanza, alla stampa e ai media, d’intesa con il Centro Nazionale di Informazione e Documentazione Europea (CIDE) in contemporanea con le altre Rappresentanze della CE nei Paesi membri dell’Unione europea.
Elementi essenziali del Piano D:

Incoraggiare il dibattito
Tutti gli Stati membri si sono impegnati a promuovere dibattiti nazionali di vasto respiro sul futuro dell’Europa. Tali dibattiti costituiscono il fulcro del Piano D e il ruolo della Commissione è di assistere e non di sostituire gli Stati membri.

Il processo di feedback
La Commissione, che cercherà di lavorare in collaborazione con il Parlamento europeo e gli altri organismi, strutturerà il processo di feedback.
Un primo feedback dei dibattiti nazionali dovrebbe aver luogo nell’aprile 2006.
Il 9 maggio 2006 sarà organizzata una conferenza europea sul futuro dell’Europa che metterà insieme le principali conclusioni dei dibattiti.
Quindi sarà predisposta una relazione di sintesi dei dibattiti nazionali per il Consiglio europeo che si svolgerà, sotto la presidenza austriaca, nel giugno 2006.

Iniziative chiave per rafforzare il dialogo
La CE propone 13 iniziative specifiche a livello europeo per incoraggiare un più vasto dibattito pubblico, per promuovere la partecipazione dei cittadini e dar vita a un autentico dialogo sulle politiche europee.
Tali azioni comprenderanno una serie di visite dei commissari agli Stati membri, il sostegno ai progetti dei cittadini europei, l’impegno per una maggiore apertura dei lavori del Consiglio, una presenza più incisiva dei commissari nei Parlamenti nazionali, la creazione di una rete di “Ambasciatori europei della buona volontà ” per elevare il livello del dibattito europeo e per un rinnovato supporto a progetti volti a incrementare la partecipazione al voto.fotoMargot Wallström è anche Commissario Europeo per le Relazioni Istituzionali e per la Comunicazione, un ruolo che si addice alle sue capacità comunicative e che la vicepresidente ha subito intepretato in maniera molto "partecipativa", aprendo un proprio blog attraverso il quale, come lei stessa dichiara, poter parlare con i cittadini invece che ai cittadini.Di Francesca Valentina Ricevuto, Agenzia Socrates Italia

 

 


© 2005 - 2017 E.I.P. ITALIA
Loghi, immagini e testi presenti in questo sito appartengono ai rispettivi proprietari
è vietata la riproduzione, anche parziale, del presente documento.

Sito realizzato daIstrate Beniamin